Welcome to Magazine Premium

You can change this text in the options panel in the admin

There are tons of ways to configure Magazine Premium... The possibilities are endless!

Member Login
Lost your password?

Accento Scozzese: caratteristiche, pronuncia e differenze rispetto all’inglese

November 13, 2012
By

Trasferirsi in Scozia può essere traumatico anche per gli anglofoni più eccellenti.

L’accento scozzese infatti si differenzia notevolmente da quello classico, britannico, che ci viene proposto da insegnanti e corsi di lingua.

La pronuncia delle parole e dei dittonghi varia inoltre in base alla regione della Scozia e allo status sociale dell’interlocutore.

Fonetica, lessico e grammatica delle Lowlands sono per esempio molto più influenzate dai refusi di gaelico scozzese rispetto a quelle delle Highlands.

Una premessa: distinguiamo l’inglese scozzese dal gaelico (lingua celtica completamente diversa dall’inglese ancora in uso in alcune zone di Scozia e Irlanda, in due varianti differenti) e dalla lingua scots (lingua di impostazione germanica largamente in uso in Scozia, considerabile un dialetto dell’inglese, a sua volta diviso in alcune varianti).

Quali sono le caratteristiche dell’accento scozzese e quali le differenze tra scozzese e inglese?

Innanzitutto lo scozzese è una lingua rotica. Con questo termine si intende definire una lingua nella quale tutte le “r” vengono pronunciate. In questo l’accento della Scozia è simile a quello di gran parte degli USA e dell’Irlanda, mentre differisce completamente dall’accento britannico e da quello di Boston che tendono ad attennuare o elidere la pronuncia della “r” e sono dunque “non rotici”.

Per questo motivo la pronuncia della “r” scozzese colpisce perché è forte, decisa, simile alla nostra!

Anche la “r” a fine parola, come in “door” o “poor”, si percepisce senza sforzo.

Un altra essenziale differenza tra inglese scozzese e inglese britannico sta nella fonetica di alcuni dittonghi.

Per esempio “ou”, che possiamo ritrovare in termini come “ground” o “about” non viene pronunciato aperto (“au”) come accadrebbe in Inghilterra ma in modo più stretto, nella lettura italiana simile a un “eu” con una “e” appena accennata.

Anche la “i” breve muta notevolmente. Per questo motivo parole come “rich” o “stick” vengono pronunciate con una “i” simile alla nostra “e” italiana.

Non è facile spiegare le differenze fonetiche in forma scritta, per questo motivo ecco qualche link ad alcuni video Youtube che potranno darvi un’idea più precisa di ciò a cui andrete incontro durante la vostra esperienza Scottish! 🙂

Il voice-coach Gareth Jameson spiega come fingere un accento scozzese

Il comico scozzese Frankie Boyle

Scena tratta dal film Trainspotting

Il giardiniere Willie dei Simpson

 

Luca Cattaneo

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *




News ed Eventi